Porte interne: come valorizzano il design del tuo appartamento

Se si vuole arredare con stile e classe una casa o un appartamento è importante soffermarsi anche sulle porte interne da scegliere. Infatti questo non è un elemento di poco conto, poiché la giusta scelta del colore e del materiale deve essere in sintonia con l’arredamento e il design generale, per creare un effetto armonico fondamentale per aver una bella casa.

Puoi aver scelto un colore davvero bello per i muri o un pavimento nuovo e particolare, ma basta sbagliare il colore della porta o lo stile e tutto il resto perde di bellezza. La scelta delle porte deve avvenire in fase di progettazione, in modo da tenere in considerazione sia la funzionalità che l’estetica.

Pertanto è bene scegliere delle porte che ottimizzino lo spazio, che siano pratiche e che contemporaneamente valorizzino lo stile dell’arredamento e degli interni. Scegliere le porte di casa è decisivo dunque, e per farlo bene è utile seguire qualche consiglio e, perché no, avere anche una ispirazione.

Stile, materiali e tecnologia delle porte interne

Come elementi di arredo le porte interne valorizzano gli ambienti, oltre che ad esprimerne il carattere e la personalità. A riguardo le porte possono essere sia classiche che moderne:

  • le prime hanno forme più definite e sono arricchite da stipiti a vista o cornici, più sfarzose e più colorate;
  • le seconde hanno linee essenziali e minimal, con toni neutri e senza cornici o telai, garantendo assoluta omogeneità alla stanza.

Riguardo il materiale, le porte inoltre possono essere in legno classico o in vetro: il legno è un elemento di stile e di classe, pur avendo poca funzionalità rispetto alle porte in vetro che sono sicuramente più moderne e meno appariscenti e garantiscono maggior luminosità alla stanza e aumentano la grandezza degli ambienti.

Non solo, le porte devono essere scelte anche in funzione dello spazio e dell’apertura dell’anta. E a riguardo queste possono distinguersi in porte a battente e porte scorrevoli:

  • la porta a battente è quella tradizionale che si apre sui cardini, solitamente all’interno del vano, per questo, necessitando di più spazio, è sconsigliata per ambienti con dimensioni ridotte;
  • la porta scorrevole invece è ideale per sopperire a questo disagio, perché la porta scompare all’interno della parete quando viene aperta, permettendo di sfruttare al massimo gli spazi.

Abbinamento e design delle porte interne

Le porte, a prescindere dagli elementi fin qui descritti, devono essere scelte in abbinamento con il colore delle pareti, dei pavimenti e degli infissi, creando una armonia di colori nell’ambiente. Alla luce di ciò è bene scegliere una porta con sfumature neutre tendenti al bianco, o grigio o tortora se il pavimento è di colore chiaro, al contrario è meglio scegliere porte di colore scuro e preferibilmente dello stesso colore dei pavimenti se questi sono scuri.

Se l’ambiente è rustico è inutile dire che bisogna optare per una porta in legno classico, mentre con pavimenti in marmo andrebbero bene porte in vetro anche opaco, per uno stile moderno o minimal. In abbinamento col colore delle pareti una porta chiara è molto più duttile e più facile da abbinare al contesto.

Se le pareti sono di colore chiaro, si può abbinare anche una porta scura, alleggerendo l’ambiente e dando anche un piacevole contrasto con il resto. Infine, le porte colorate necessitano di uno studio più attento e di una scelta più ponderata; esse sono facilmente abbinabili a design e contesto neutro, riservando quel tocco di originalità e peculiarità che può abbellire gli interni.

A livello di funzionalità, è importante capire quale serratura scegliere, e nel caso si avessero problemi, contattare un fabbro per effettuare un cambio di serratura senza dover cambiare la porta interna. In alternativa, leggi questo articolo sul cambio di serratura, potrebbe aiutarti a risolvere il problema senza l’aiuto di un professionista.