Localizzatore gps per auto

Come faccio a sapere dov’è la mia auto se la presto a qualcuno o se la usano i figli neo patentati? E se la usa il coniuge e non sono tranquillo? Non ci sono solo le assicurazioni interessate a conoscere la posizione di una vettura, soprattutto in caso di incidente (quindi attenzione a quello che dichiarate!).

Stabilire la posizione di qualcosa o qualcuno sul pianeta terra si chiama geolocalizzazione. E riguarda non solo la sicurezza, ma anche un sacco di altre applicazioni: il localizzatore gps per auto, ad esempio, permette di seguire la vettura a distanza.

Satelliti e triangoli

Per geolocalizzare qualcosa o qualcuno ci vogliono una serie di coordinate che vengono rilevate da almeno tre satelliti in orbita attorno alla terra; si chiama “triangolazione” ed è un’operazione matematica che i satelliti fanno migliaia di volte al secondo scambiandosi migliaia di dati relativi a migliaia di posizioni. Grazie a questo sistema, prima militare e poi esteso agli usi civili, il localizzatore Gps ormai è diventato di un prodotto di largo consumo, che ha rivoluzionato il commercio e l’economia globale.

Tutti noi abbiamo un localizzatore GPS all’interno dello smartphone, per permetterci di utilizzare determinate applicazioni ed orientarci nello spazio aperto. Se il telefonino è connesso al wi-fi, in genere si localizza la rete stessa, con minore precisione: infatti un wifi che raggiunge un intero piano permette di geolocalizzare chi si trovi a quel piano, ma non in quale stanza, come accadrebbe invece con un localizzatore Gps.

Localizzatori GPS per auto

Ad oggi vi sono in commercio molti localizzatori gps per auto; la distinzione principale è tra quelli a batteria interna o quelli alimentati attraverso la batteria della macchina. Questi ultimi possono essere installati dal proprietario della vettura, se si tratta di modelli semplici, oppure bisogna rivolgersi ad un elettrauto.  In ogni caso tutti i tipi di localizzatori necessitano di una scheda SIM, la quale trasmette la posizione ad un sistema ricevente, come una app installata su un cellulare, o una vera e propria centrale di monitoraggio che utilizza dei server.

Gps per auto a cosa serve

Se abbiamo un gps installato sul cellulare a cosa serve un gps per auto? In primo luogo non sempre il nostro cellulare rimane nella nostra vettura. Anzi, ci segue così fedelmente che per molte ore l’auto rimane senza alcun sistema di geolocalizzazione, a meno che non si sia fatto installare quello dell’assicurazione.

Il quale però è visibile solo agli operatori stessi, dietro richiesta del cliente e solo in caso di incidente o guasto. Averne uno personale nella propria vettura, invece, permette di tenerla costantemente monitorata. L’utilità? Per esempio per tentare di recuperare l’auto in caso di furto. In secondo luogo potrebbe essere utile per sapere dove si trovano i propri figli neopatentati: ancora in discoteca o sulla strada del ritorno?

Hanno superato i limiti di velocità o li hanno rispettati? Certo a loro non piacerà, ma voi dormirete sonni (forse) tranquilli. Oppure ancora per monitorare gli spostamenti dei dipendenti, con l’obiettivo, ad esempio, di ottimizzare gli interventi che si fanno dai clienti;  ad esempio, mandando la vettura che si trova più vicina.

GPS per auto: quale acquistare?