Come si fuma la sigaretta elettronica?

La sigaretta elettronica ha preso piede ormai in tutto il mondo e sono tantissime le persone che quotidianamente ne fanno uso, indistintamente dalla fascia d’età. A differenza di una classica sigaretta dove i tiri sono brevi e ripetitivi, il fumo della sigaretta elettronica va aspirato dolcemente per circa 4/5 secondi, ad intervalli tra una tirata e l’altra.

Nonostante sul mercato ci siano vari modelli di sigarette elettroniche, il funzionamento è pressochè simile. E’ possibile trovare modelli con filtri intercambiabili, con liquido alla nicotina di diversi gusti, oppure modelli che riscaldano stick di vero tabacco, come ad esempio il modello Glo Hyper.

Per i modelli con batteria automatica è consigliato, prima di iniziare a fumare, riscaldare l’atomizzatore tramite un tiro breve di 1/2 secondi.

Per quanto riguarda i modelli con batteria manuale bisogna premere il bottone qualche secondo prima di iniziare a tirare e successivamente va fatto riscaldare l’atomizzatore come abbiamo detto precedentemente.

La manutenzione della sigaretta elettronica

La sigaretta elettronica richiede una manutenzione ed una pulizia costante al fine di funzionare correttamente. È importante che la quantità di liquido inserito nell’atomizzatore non superi il livello massimo, altrimenti l’atomizzatore si potrebbe otturare e di conseguenza la sigaretta potrebbe non funzionare correttamente.

Come capire quando aggiungere il liquido?

Ci sono diversi modi per capire quando è arrivato il momento di ricaricare i filtri o di aggiungere il liquido nell’atomizzatore. Dopo aver utilizzato il vaporizzatore per qualche giorno, riconoscere tale momento sarà molto più semplice.

Il primo segnale che si nota, quando il filtro o il liquido è esaurito, è la mancanza di appagamento, nonostante la quantità di fumo che fuoriesce è la stessa.

Il secondo segnale, invece, è il gusto di bruciato che rimane in bocca dopo aver tirato. Questo ci fa capire che il liquido è terminato e per questo motivo non sentiamo più il gusto dello stesso.

Può succedere che il filtro si secchi in estremità a seguito di una tirata troppo veloce o perchè è finito il liquido all’interno del serbatoio; in questo caso è opportuno aggiungere altro liquido ed agitare la sigaretta elettronica in modo che il filtro venga impregnato dal liquido appena aggiunto.

La durata della batteria e le protezioni

Le batterie delle sigarette elettroniche hanno un dispositivo integrato che dopo circa 7/8 secondi di utilizzo, interrompe in automatico il passaggio di corrente verso l’atomizzatore, in modo tale da non creare danni se premuto erroneamente.

Durante questa fase l’indicatore della batteria comincerà a lampeggiare e la sigaretta elettronica smetterà di funzionare per alcuni secondi, dopodichè riprenderà a funzionare nuovamente. Quando il led dell’indicatore della batteria lampeggia o non è più visibile, vuol dire che la batteria è completamente scarica ed è ora di ricaricare.